Home
Settima Cronoacchianata - 12 Febbraio 2017

La settima edizione ricadrà nel giorno dell'ottava.
Questa particolare congiuntura siderale si verifica solo ogni 13.5 miliardi di anni circa, grazie all'influsso di Sant'Agata sulla grande Luna rossa.

Per l'occasione stiamo preparando una piccola novità. Forse.

Non ricordo se ho impostato il flag per abilitare le iscrizioni. Iscriviti.




FROM THE PAST:



Sesta Cronoacchianata - 7 Febbraio 2016

L'edizione 2016 parrebbe essere destinata per il 7 Febbraio.
Ok, siete pronti per la gara clandestina più bla bla bla bla bla bla bla...
Le iscrizioni sono aperte da mo'.
Per favore qualcuno può realizzare un "6ª" a caratteri cubitali bello dorato bello bello?
Grazie. Qua un ripassino dell'anno scorso:





MANCANO POCHE ORE ALLA 5ª Cronoacchianata - Trofeo San D'Agata

Car* cronofratell*, quest'anno ci riuniremo ai piedi del colle Montevergine tra le 9:00 AM (Approssimativamente Magari) e le 2:00 PM (Più o Meno) dell'8 Febbraio - come da calendario post-maya risulta essere la prima domenica dopo Sant'Agata - per dare vita alla 5ª edizione.

E' confermato che si tratta di un evento assolutamente autodisorganizzato, quindi ad esempio:

Buona cronoacchianata a tutti.



Cronoca della 4ª edizione
Catania, Domenica 09 Febbraio 2014

E' toccata a Mr. Baic Messenger l'apertura della quarta Cronoacchianata con una doppia ripetizione della salita per l'immancabile botta di sfiga cronometro. Ma si è trattato solo di una piccola e isolata falsa partenza, perché in questa ultima edizione, la prestigiosissima presenza di un impeccabile cronometrista federale abusivo in incognito, ha consentito uno svolgimento miracolosamente fluido della corsa, animata come non mai.

Para Pas manomette il cronometro

Una corsa da record.
Record di partecipanti classificati, quest'anno giunti a quota 43.
Record del mondo della cronoacchianata, che per una strana analogia nella sorte di queste performance fuori misura, vede il ciclista-sciatore Giambattista Petrillo polverizzare con 34.49 s il precedente record e sparire misteriosamente poco dopo, esattamente come era accaduto 4 anni fa con i 37.60 s di Giuseppe Mirabella, anche lui stranamente scomparso prima dello svolgimento della finale. Spariti nella leggenda.
Record della extraterritorialità, con due atleti provenienti appositamente dalla Catania del Nord, Milano: Luigi Lavermicocca e Marco Vismara.
Record della percorrenza in salita di una bici - Agnese ccioia ro me cori, della concorrente La Eli - passata tra le mani di una decina di corridori (la bici), permettendo così alla Zeronove, officina produttrice del mezzo, di aggiudicarsi il campionato costruttori, a pari merito con Massimo Romeo artefice di un inimmaginabile tandem servoassistito.

Basoncia corrompe la giuria

E il formidabile team di produttori, riparatori, preparatori, atleti, allenatori, aiutocronometristi. forgiatori di premi, cronogiurati e cabarettisti, porta a casa anche un ottimo secondo posto col solito Para Pas, presentatosi in tenuta bionica in sella ad una Razziedda Time Trial, bici com'è d'uopo spudoratamente truccata, ma non abbastanza per stare dietro alla ruota dell'imprendibile Massimo Finocchiaro, che gli ruba il titolo e lascia indietro anche i pericolosissimi Luca Mazzola e Federico "Suino" Amore, trionfando nella agguerritissima finale uomini.
Per le donne ci ha pensato la concorrente-valletta Maria Cristina Leotta a premiare se stessa con un magnifico primo posto, alacremente guadagnato davanti a La Eli e Graziella Alessi.

Finale donne

E mentre Para Pas tornava in officina per costruirsi e assegnarsi il secondo premio di consolazione, con altrettanto evidente conflitto di interessi "Il Ciclaio" si aggiudicava il premio speciale della giuria, per essere salito in cima a bordo della ciclofficina-mobile con bici in avaria al traino.

E infine, non poteva mancare un epilogo corroborante e ristoratore con una generosa edizione speciale del "pranzo sociale" alla libreria Mangiacarte, con le polpette di cavallo vegano [quelle fatte col cavallo di soja (cit.)].

Riusciranno i nostri eroi a sopravvivere ad un'altra dopatissima prova?
Lo sapremo solamente nella prossima acchianata!







CRONOACCHIANIAMO

Continua a tre anni di pendenza
Recidiva picchì quattru ni m'uccamu
Organizzati ma per pura coincidenza
Non è tempo di indugiare, dai, pattemu

Ora che quattro sono pure i canti
All'angolo Etnea con Sangiuliano
Che mantengano fede tutti quanti
Che il propellente sia soltanto umano

Han stilato lo statuto dell'evento:
Individui responsabili e decisi
All'occorrer di qualunque impedimento
Nenti sacciu, nenti visti, nuddu 'ntisi

Infine, sempre quattro, i più veloci
Ammessi a clelebrare il gran finale
Mi si conceda di unir le nostre voci
Oggi vinca la coscienza personale

(Acrostico della quarta convocazione composto da Luca Lisi)





Aggiornamento video: